Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
PROGRAMMA POLITICO
18/06/2021
Boron (ZP): «Presentato un pdl per prolungare di cinque anni la durata del piano di rientro dei finanziamenti del fondo di rotazione alle case di riposo e aiutare queste strutture essenziali per la società»
Venezia, 18 giugno 2021 - «Le case di riposo, nel corso dell’ultimo anno, hanno pagato un prezzo enorme sul versante delle perdite umane, del carico di lavoro, ma anche dei costi economici. La Regione del Veneto aveva già disposto, attraverso il Collegato alla legge di stabilità regionale del 2018, la possibilità di accedere a fondi di rotazione per migliorare l’offerta socio-sanitaria delle case di riposo e la riqualificazione degli immobili. I soldi stanziati, secondo la legge, dovrebbero essere restituiti in 10 anni. Vista l’improvvisa crisi, però, molte strutture potrebbero avere difficoltà a rispettare le scadenze. Ho quindi presentato un progetto di legge per prolungare di cinque anni e quindi di 15 anni, la durata dei piani di rientro dei finanziamenti e dare così alle case di riposo maggiore respiro». Ad annunciarlo è Fabrizio Boron, consigliere regionale del Gruppo Zaia Presidente. «Questo progetto di legge si inserisce all’interno di un piano di sostentamento che la Regione del Veneto ha messo in piedi nei confronti di queste strutture sanitarie ed assistenziali fondamentali per la nostra società. Già nel novembre del 2020 la Giunta regionale del Veneto ha stanziato 16.845.879,25 euro a sostegno dei centri di servizi accreditati per l'assistenza agli anziani non autosufficienti. Fondi che compenseranno, almeno in parte, i maggiori costi che gli istituti devono sostenere nella gestione emergenziale. Anche il mio progetto di legge va in questa ottica di sostegno, per garantire la sostenibilità attuale e futura del sistema sociale e socio-.sanitario regionale e fronteggiare una crisi grave e imprevista che rischia di avere pesanti ripercussioni sul piano sociale».
18/06/2021
Dolfin (LV): “Marghera per la crocieristica di Venezia è l’unica soluzione possibile, al più presto la decisione”
“Venezia deve restare caposaldo della crocieristica in Adriatico, non si può fare un passo avanti e due indietro: è assolutamente necessario che una decisione arrivi al più presto per tutelare i posti di lavoro ed evitare che le compagnie investano su altri porti anche per le prossime stagioni”. Così il consigliere regionale veneziano Marco Dolfin del Gruppo Liga Veneta per Salvini commenta la situazione sulle navi da crociera emersa oggi sugli organi di stampa. “La soluzione c'è da tempo ed è quella che ha sempre sostenuto la Lega: Marghera: via le navi dal Bacino di San Marco e dal Canale della Giudecca, passaggio lungo il canale dei Petroli con approdo a Marghera e accesso alla Stazione Marittima attraverso il canale Vittorio Emanuele”. “Il ritorno del settore crocieristico a Venezia – rincara Dolfin - come abbiamo ribadito per mesi e a più riprese, è fondamentale per la città, sia in termini di ripresa economica, sia in termini di turismo. Oltre a Marghera, non dimentichiamoci dell'esistenza del Porto di Chioggia che potrebbe ospitare le navi da crociera di piccole dimensioni”. “Solo con la soluzione di Marghera – prosegue il consigliere - si possono salvaguardare il patrimonio ambientale, monumentale e paesaggistico di Venezia mantenendo nel contempo i posti di lavoro. I mega progetti futuristici come il Porto Offshore potranno essere anche validi – aggiunge Dolfin - ma oltre ad essere costosi, si vedranno in un futuro assai lontano. Ora invece si devono prendere decisioni realistiche e concrete per il futuro del comparto, e bisogna farlo prima che le compagnie decidano di investire e trasferirsi in altri porti anche per le prossime stagioni”.
17/06/2021
Pan e Villanova (LV-ZP): “Addolorati e attoniti per la scomparsa di Contarin, amico e collega dalle doti umane e professionali”
“La scomparsa di Gianluigi Contarin ci lascia attoniti e addolorati, esprimiamo grande vicinanza alla sua famiglia a nome di tutti i consiglieri regionali dei nostri gruppi. Era un collega ed un amico, una brava persona che lascia un grande vuoto in chi l’ha conosciuto”. I capigruppo di Liga Veneta per Salvini e Zaia Presidente in Consigio regionale, Giuseppe Pan e Alberto Villanova, esprimono cordoglio per la morte di Gianluigi Contarin, ex sindaco di Riese Pio X. “Contarin era una persona di grandi qualità umane e professionali, un uomo di valori, si è impegnato in politica per mettersi al servizio dei suoi cittadini e per cercare di portare con il suo lavoro un miglioramento. Era anche un politico di lunga esperienza che si è trovato ad affrontare sfide difficili, in carica come sindaco in quel drammatico 6 giugno 2009, quando una tromba d'aria devastò la frazione di Vallà con grandi danni. Ed anche in quell’evento si è distinto per l’ottima gestione della situazione nel post-tromba d'aria”. “La politica era la sua passione e dedizione - aggiungono Pan e Villanova – e l’ha sempre portata avanti con correttezza e lealtà, in modo umile e rispettoso verso tutti. Il nostro ricordo di lui è quello di una persona capace e attiva, entusiasta e dalle mille risorse che tanto ha fatto per la sua comunità e tanto avrebbe continuato a fare: a lui va il nostro pensiero accompagnato da un sincero ringraziamento”.

COSA FACCIAMO
SCOPRI DI PIU'


SEGUICI NEI SOCIAL