PROGRAMMA POLITICO
SEGUICI NEI SOCIAL
LE ULTIME NEWS
24/02/2021
Ambiente – Rizzotto (ZP): “Direttiva sul deflusso ecologico, conseguenze negative dalla normativa europea. Urgente intervenire per difendere il nostro territorio e le attività”
Venezia 24 febbraio 2021 -  “Agricoltura, imprese, turismo, ambiente, paesaggio: non c'è ambito o settore per cui la Direttiva comunitaria sul deflusso ecologico così come è oggi, per il Veneto possa trovare applicazione. Per questo ringrazio il Consiglio regionale del Veneto che a larghissima maggioranza ha approvato la mia mozione che chiede di sospendere la norma per analizzare meglio, insieme agli enti competenti, una sua applicazione progressiva. Solo così potremo capire meglio la portata delle conseguenze che ne deriverebbero”. Con queste parole la consigliera regionale Silvia Rizzotto (Zaia Presidente) esprime soddisfazione nel commentare la votazione favorevole della mozione n. 18 a sua prima firma sulla ‘Direttiva Quadro sulle acque: applicazione sostenibile del deflusso ecologico nel bacino del Piave e nel territorio veneto’. “Ad oggi, gli studi più autorevoli evidenziano chiaramente come una applicazione rigorosa e stringente di questa norma possa portare più problemi che opportunità. Per questo – prosegue la consigliera - ho chiesto al Consiglio regionale del Veneto, di esprimersi sulla possibilità, poi accolta, di valutare una sospensione, o comunque una deroga nell'applicazione di questa direttiva: devono essere valutati con meticolosità e precisione i problemi socio economici. La nostra Regione è attenta e sensibile alle criticità ambientali, ma lo è anche alle attività produttive, a quelle locali e agli enti interessati nel produrre e sostenere studi e sperimentazioni per dimostrare che in particolare il Piave ed il Brenta sono due fiumi con peculiarità tali da richiedere una applicazione graduale. Ora speriamo che l'autorità distrettuale Alpi orientali tenga conto delle nostre preoccupazioni e proponga una sospensione alla UE”, conclude Silvia Rizzotto.
24/02/2021
Teatro Stabile del Veneto – Marzio Favero (LV): «Nuova direzione artistica: congratulazioni a Ferrara, Brook e Morassi. Saranno loro ad assicurare un nuovo rango nazionale e internazionale al Teatro»
Venezia, 24 febbraio 2021 – «Congratulazioni a Giorgio Ferrara, Irina Brook e Bepi Morassi per la nomina alla direzione artistica del Teatro Stabile del Veneto. Spetta loro il compito non facile di assicurare, come ha correttamente ricordato il presidente Giampiero Beltotto, un ruolo di rango nazionale, è perché no, anche internazionale al Teatro stabile del Veneto. Una realtà che già nel nome esprime l’idea di una identità di luogo che, per il Veneto, si è sempre espressa nella forma di una straordinaria apertura cosmopolita». Marzio Favero, consigliere regionale del Gruppo Liga Veneta per Salvini premier, commenta in questo modo le nuove nomine del Teatro stabile del Veneto. «Confido che si instauri una dialettica feconda, nella produzione culturale, fra le risorse artistiche del nostro territorio e quelle che verranno convocate per arricchire l’offerta teatrale – continua Favero -. A Ferrara, Brook e Morassi formulo l’augurio di un buon lavoro in questo momento delicatissimo per il settore dello spettacolo dal vivo».
24/02/2021
Teatro Stabile del Veneto – Villanova (ZP): «La nomina del nuovo direttore artistico Ferrara ottima notizia per un teatro che tornerà ad essere fondamentale punto di riferimento nazionale»
Venezia, 24 febbraio 2021 - «La nomina di questa mattina di Giorgio Ferrara a direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto è un’ottima notizia per tutto il mondo culturale veneto. Regista conosciuto e stimato a livello internazionale, il Maestro saprà guidare lo Stabile in un delicato percorso per tornare ad essere punto di riferimento del mondo teatrale italiano. La Regione del Veneto gli sarà a fianco, come ha già fatto nella scorsa legislatura con la firma dell’accordo con Arteven, alla base della nascita della Piattaforma veneta di promozione culturale per il teatro». Sono queste le congratulazioni rivolte da Alberto Villanova, capogruppo di Zaia Presidente in Consiglio regionale del Veneto, a Giorgio Ferrara, appena nominato nuovo direttore artistico del Teatro Stabile del Veneto. «Anche la scelta di Irina Brook come regista residente e di Bepi Morassi alla guida della produzione porterà nuovo lustro allo Stabile – continua Villanova -. Personalità artistiche così importanti potranno contribuire a dare nuova vita a un mondo quale quello del teatro, particolarmente sofferente in questo momento».