PROGRAMMA POLITICO
SEGUICI NEI SOCIAL
LE ULTIME NEWS
2/04/2020
Emergenza sanitaria e autonomia – Finco (LN): «Le Regioni stanno dimostrando di saper gestire le difficoltà in modo esemplare. Lo Stato dovrebbe solo ringraziare gli enti locali»
Venezia, 2 aprile 2020 – «In questo momento lo Stato dovrebbe solo ringraziare le Regioni che hanno ideato strategie efficienti per la gestione di questa tremenda emergenza senza aspettare le direttive dello Stato centrale. Questo è il momento per valutare la qualità delle autonomie locali. Le Regioni del Veneto, dell’Emilia Romagna e della Lombardia stanno dimostrando di saper affrontare l’emergenza da sole, anche senza l’aiuto dello Stato». Così Nicola Finco, capogruppo della Lega in Consiglio regionale del Veneto, risponde alle parole del vice-segretario del Partito Democratico Andrea Orlando che ha invocato una sanità centralizzata. «Invece di denigrare l’autonomia – continua Finco – questo potrebbe essere il momento per esportare modelli virtuosi, che vengono riconosciuti a livello internazionale, anche ad altre Regioni italiane. Non oso pensare dove sarebbe la nostra regione se l’emergenza fosse stata gestita da burocrati romani che nulla conoscono del sistema socio-sanitario veneto, e con solo i mezzi forniti dallo Stato. Mi auguro anzi che, al termine dell’emergenza sanitaria, si acceleri l’iter della riforma autonomista. Solo così potremmo far fronte alle sfide future, continuando a crescere. La Regione del Veneto ha dimostrato competenza e capacità per gestire in autonomia situazioni difficili come quella che stiamo vivendo. Purtroppo dobbiamo constatare ancora una volta che nei momenti più difficili emergono comportamenti parassiti che approfittano delle sofferenze altrui per puri fini politici».
2/04/2020
Autonomia e sanità – Sandonà (ZP): «Assurda la proposta di centralizzare la sanità togliendola alle Regioni. Quanto avrebbe sofferto di più il Veneto?»
Venezia, 2 aprile 2020 - «La proposta di alcuni esponenti del Partito Democratico o del Movimento 5 Stelle di abbandonare la riforma dell’autonomia e centralizzare la sanità è da irresponsabili. Dove saremmo a questo punto con una sanità gestita dal governo e non, come sta facendo in modo egregio, dalla Regione del Veneto e dal presidente Luca Zaia? Tutto il mondo sta riconoscendo al Veneto il valore delle scelte prese fin dai primi giorni dell’emergenza. Senza poi contare la gestione poco brillante dell’invio di mascherine e respiratori da Roma ai nostri ospedali». Luciano Sandonà, consigliere regionale del gruppo Zaia Presidente risponde così alle proposte fatte dal vicepresidente del Pd, Andrea Orlando, e dalla deputata M5s Carla Ruocco di centralizzare il sistema sanitario. «Pur tra mille difficoltà – continua Sandonà -, la Regione del Veneto ha dato una risposta pronta ed efficiente, diventando un punto di riferimento per la comunità scientifica internazionale. Proposte come quella degli esponenti Pd e M5s ci fanno solo inorridire. Sfruttare l’emergenza sanitaria a fini politici serve solo a mascherare l’incapacità e la mala gestione a livello romano dell’emergenza».
2/04/2020
Sanità – Boron (ZP): “Proposta del Dem Orlando di centralizzarla è fuori luogo, noi puntiamo a chi fa meglio, non peggio”
Venezia 2 aprile 2020  -  In queste settimane, sui Social, di fake news se ne leggono a centinaia. E non nascondo che quando ho letto la proposta del Vicesegretario del Partito Democratico, Andrea Orlando, di centralizzare la sanità ho pensato a una bufala. E invece era drammaticamente vera. Per fortuna, noi siamo il Veneto e puntiamo al meglio, non alla mediocrità”.
Con queste parole, il Presidente della Quinta commissione consiliare, Fabrizio Boron (Zaia Presidente), commenta la proposta del Vicesegretario del PD, Andrea Orlando, di centralizzare il Sistema Sanitario Nazionale.
Se Andrea Orlando pensa che riportare indietro le lancette dellorologio alla Sanitopoli di Poggiolini, De Lorenzo, alle indagini su Ciriaco De Mita, sia meglio, faccia pure  continua il consigliere regionale - ne risponderà politicamente al proprio elettorato.  Ma sappia che il Veneto non ci sta: se la nostra sanità è celebrata persino dallHarvard Business Review, è perché noi una siringa la paghiamo il giusto, i bilanci sulla sanità li presentiamo in modo trasparente, implementiamo sistemi efficaci ed efficienti.
La proposta di Orlando assomiglia a quella di chi, durante una corsa, si trova nelle ultime posizioni e vorrebbe squalificare chi è davanti, per trovarsi cosi tutti insieme nella stessa posizione  osserva il presidente della commissione Sanità  noi, in Veneto, siamo invece abituati così: quando vediamo qualcuno correre più forte, cerchiamo di capire perché va così veloce, per raggiungerlo e superarlo. E così che la nostra sanità è migliore delle altre.
Siamo comunque disponibili a correre in staffetta, ci mancherebbe -  conclude Fabrizio Boron -  ma noi aiutiamo chi vuole correre al nostro fianco, non per rallentare, ma per vincere insieme. E per questo che da noi i veneti vengono curati meglio degli altri.