PROGRAMMA POLITICO
Scopri le ultime news
2 Dicembre 2020
Recovery fund – Villanova (ZP): «Mentre il governo perde tempo organizzando comitati e task force, il Veneto ha fatto il suo dovere e ha stilato un elenco di progetti ambiziosi e molto concreti»
Venezia, 2 dicembre 2020 - «Mentre il premier Conte continua ad annunciare la nascita di task force, gruppi di lavoro di esperti e comitati, il Veneto in silenzio, con le sue forze, ha già preparato un piano per investire i fondi del Recovery fund: progetti ambiziosi ma molto concreti, certo non sogni privi di fondamento, che procedono nella direzione del Veneto digitale, green, connesso ed eccellente indicato dal Presidente Zaia nel suo programma d governo. L’Europa prenda atto che qualcuno che faccia i compiti assegnati c’è, e dia i soldi a chi veramente dimostra non solo di volerli, ma anche di meritarli». Alberto Villanova, capogruppo in Consiglio regionale di Zaia Presidente, commenta così la pubblicazione della delibera che contiene l’elenco dei progetti da finanziare con i fondi UE. «Ricordiamo che l’elenco stilato contiene ben 155 progetti – prosegue Villanova -, raggruppati in 13 macro-aree. Il Veneto, che già è stato penalizzato dalla mancanza di ristori adeguati per le sue attività produttive, merita ora le risorse. Non siamo stati ad aspettare che altri ci spiegassero come fare il lavoro. E, come ha spiegato il Presidente Zaia, questo piano era pronto già da tempo. Se non è stato pubblicato prima, è proprio per la mancanza di chiarezza da parte del governo. A questo punto ci aspettiamo come minimo che Roma porti avanti con forza le istanze della nostra regione».
30 Novembre 2020
Pan (LV) e Andreoli (LV): «Fusione dei Consorzi agrari, a gennaio convocati in audizione presso la Terza commissione i loro rappresentanti»
Venezia, 30 novembre 2020 - «La Terza commissione consiliare permanente convocherà in audizione, nella prima seduta utile dopo l’Epifania, i Consorzi agrari per discutere della questione della loro fusione. È vero che la Regione non legifera su queste operazioni, ma è anche vero che non può rimanere indifferente davanti a un’iniziativa che interessa l’opinione pubblica e che suscita interrogativi in più di qualche cittadino». Lo annunciano Marco Andreoli (LV), presidente della Terza commissione consiliare permanente, competente in Agricoltura, e Giuseppe Pan, capogruppo Liga Veneta per Salvini Premier in Consiglio regionale del Veneto. «Crediamo che sia nell'interesse di tutti i Consorzi interessati e delle associazioni di categoria il poter esporre la situazione in campo neutro e con la massima trasparenza possibile – proseguono poi -. Stiamo attraversando un periodo durissimo per la salute pubblica e per l'economia, e in questo scenario operazioni di questo tipo giocano un ruolo non trascurabile nella partita del nostro futuro che assumerà i connotati di una ricostruzione. I Consorzi agrari sono piccoli gioielli che proteggono con sapienza ed efficacia la ricchezza agraria del nostro territorio. È importante tutelare queste realtà e i loro dipendenti. L'unica cosa che conta è che al centro di tutto permanga l'idea di sviluppo e di prosperità del tessuto rurale veneto, da sempre motore trainante della nostra economia ed elemento fortemente caratterizzante della nostra terra e del Popolo Veneto».
27 Novembre 2020
Pan (LV): «I cacciatori svolgono un ruolo fondamentale per l’equilibrio ambientalistico, ma devono essere adeguatamente formati. Importante preparare piani di gestione della fauna selvatica attuali e approfonditi»
Venezia, 27 novembre 2020 - «Alcune parti politiche hanno spesso accusato la Lega di essere estremista e poco rispettosa dell’ambiente. E questo perché abbiamo difeso la caccia. Evidentemente non si rendono conto che il ruolo dei cacciatori è fondamentale per la società: un cacciatore non è solo un appassionato, ma un tutore dell’ambiente. Senza questa categoria, con alcune specie di fauna selvatica ormai fuori controllo, avremmo i cinghiali fin dentro casa, con danni per l’uomo e l’agricoltura enormi. Dare un quadro normativo di riferimento a questo settore è quindi quanto mai importante». Giuseppe Pan, capogruppo della Liga Veneta per Salvini premier, commenta così la rideterminazione del Piano Faunistico della Regione del Veneto. «Regolare la caccia non significa essere integralisti, ma controllare un ambiente che ormai ha perso il suo equilibrio – prosegue Pan -. E perché questo avvenga, l’unico modo è avere piani di gestione della fauna selvatica appropriati. Ciò significa anche fornire una formazione adeguata ai cacciatori, con la collaborazione delle associazioni venatorie. La caccia, infatti, non è un gioco: è un’attività complessa che necessita della giusta preparazione perché i cacciatori diventino davvero collaboratori delle istituzioni. La proroga del Piano faunistico permetterà di approfondire questi piani di gestione, arrivando così in primavera a discuterli in aula e dare così un quadro normativo di riferimento attuale».
27 Novembre 2020
Pan (LV): «La Lega non contraria al Recovery Fund. I colleghi dell’opposizione presentino le loro rimostranze ai rappresentanti di Bruxelles»
Venezia, 27 novembre 2020 - «In questi giorni stanno emergendo tutte le contraddizioni dell’Unione Europea: non è un’Europa dei popoli, ma un’unione monetaria, in cui ogni singola nazione sta cercando di portare avanti i propri interessi. Come Lega siamo assolutamente contrari al Mes, ma siamo favorevoli al Recovery Fund, nonostante alcuni dubbi di base. Dal momento, però, che avete i vostri rappresentanti Gentiloni e Sassoli seduti nei più alti scranni di Bruxelles, perché non rivolgete a loro le vostre rimostranze?». Giuseppe Pan, capogruppo in Consiglio regionale della Liga Veneta per Salvini premier, risponde in questo modo alla risoluzione presentata dai consiglieri di opposizione. «Il Recovery Fund, comunque, non sarebbe privo di difficoltà – prosegue Pan -: le procedure per accedervi sono lunghe e cavillose e i suoi effetti si vedrebbero solo tra anni. Piuttosto il premier Conte potrebbe approfittare dello spirito “da formica” degli italiani che, in questo periodo, stanno accumulando risparmi sui loro conti correnti, emettendo buoni del tesoro a lungo corso. In questo modo – conclude il capogruppo leghista - le casse italiane avrebbero un immediato sollievo».
27 Novembre 2020
Economia – Sandonà (ZP): “Via Libera del Consiglio a 36 milioni in assestamento di bilancio, stanziati a sostegno di famiglie, imprese, investimenti, sanità e protezione civile”
Venezia 27 novembre 2020 -   “Abbiamo lavorato con rigore, riuscendo nella non semplice operazione di assestamento del bilancio economico 2020 della Regione Veneto: abbiamo recuperato oltre 36 milioni di euro, nonostante un gettito dei tributi decisamente contratto per il Veneto quest’anno”. Luciano Sandonà, presidente della I commissione consiliare della Regione Veneto, commenta l’approvazione della manovra finanziaria 2020 di assestamento. “Un buon risultato, importante per nostra comunità e mi spiace solo il voto contrario delle minoranze che non hanno colto la valenza di questa operazione che mette a disposizione dei cittadini e delle nostre imprese risorse fresche. Questi voti contrari mi sembra manifesti un scarso senso di responsabilità davanti alla nostra società colpita dall’epidemia. Nonostante le gravi difficoltà e le incertezze che hanno caratterizzato quest’anno, con la crisi sanitaria ed economico-sociale conseguente alla pandemia da Coronavirus, il Consiglio Regionale del Veneto è riuscito a garantire un avanzo di bilancio nella gestione attuale di 36,4 milioni di Euro. Rispetto alle previsioni dobbiamo registrare oltre 274 milioni in meno di gettiti tributari dei quali ben 255 milioni di mancati introiti derivano solo dalla tassa automobilistica. Anche i previsti introiti da IRPEF, IRAP e addizionale regionale sulle accise del gas sono stati fortemente ridimensionati alla luce dell’emergenza Coronavirus, che ha provocato anche una riduzione del ‘fondo crediti di dubbia esigibilità’ (FCDE), in virtù delle minori entrate nelle casse della Regione. A parziale compensazione è arrivato un contributo dallo stato di 135 milioni; altri introiti non preventivanti nel bilancio di previsione sono stati garantiti da un’attenta manovra di rinegoziazione dei mutui grazie alla quale abbiamo ricavato 8 milioni, da un versamento di 2,3 milioni € da Infrastrutture Venete e 2,13 milioni da alienazione di immobili regionali non più necessari. La somma a nostra disposizione va a finanziare  interventi che reputiamo fondamentali per aiutare i nostri cittadini e le nostre imprese, il sistema sanitario e la protezione civile - ha illustrato Sandonà al Consiglio Regionale - Voglio citare 465 mila euro per la Protezione Civile, oltre un milione di euro a sostegno del settore turistico, 250 mila euro per le imprese della cultura, 530 mila euro per il diritto allo studio,7,8 milioni per migliorare le infrastrutture, con investimenti strategici, e anche lo stanziamento di 980mila euro per i Giochi Olimpici del 2026, che vanno considerati come un volano importante per la ripresa economica. Altri tre milioni di euro abbiamo voluto impegnarli per la tutela dei minori in difficoltà e 7,5 milioni a sostegno del fondo per l’assistenza a persone con disabilità mentale”. Il presidente della Prima commissione conclude: “Stiamo seguendo con attenzione anche l’evolversi del dibattito parlamentare: il Parlamento ha deliberato, su richiesta della minoranza, nuovi stanziamenti a ristoro dell’economia, vogliamo che al Veneto arrivi una nuova iniezione di liquidità da immettere nel territorio a sostegno dell’economia e dei servizi”.  
27 Novembre 2020
Sostegno al commercio e all’economia locale – Villanova (ZP): «Pieno sostegno all’iniziativa della CGIA di Mestre. Per i nostri acquisti natalizi scegliamo l’artigianato veneto di qualità»
Venezia, 27 novembre 2020 - «Pieno sostegno alla campagna di sensibilizzazione e promozione dell’artigianato di qualità e del commercio di vicinato promosso dalla CGIA Mestre che ringrazio per aver intrapreso questa lodevole e condivisibile iniziativa attraverso un bel video emozionale. Manca ormai meno di un mese a Natale. Un momento di grande gioia per tutti noi, ma che quest’anno rischia di tramutarsi nel culmine delle difficoltà economiche per tutti i commercianti e gli artigiani delle nostre città. L’emergenza sanitaria rischia di dare il colpo di grazia ai tanti piccoli casoin e negozi di vicinato dei nostri quartieri. Ecco perché quest’anno più che mai è fondamentale rivolgersi al nostro negoziante di fiducia per gli acquisti natalizi». A dirlo è Alberto Villanova, presidente del Gruppo consiliare Zaia Presidente a Palazzo Ferro-Fini. «Molte amministrazioni comunali o associazioni di categoria si stanno organizzando per sostenere le piccole attività economiche – prosegue Villanova -. Penso al Comune di Treviso che ha varato la Treviso Gift Card per incentivare le spese cittadine. Il Veneto, del resto, è famoso per l’alta qualità del proprio artigianato e della propria manifattura. Sosteniamo questa eccellenza: scegliamo l’artigianato veneto». Il segretario della CGIA Renato Mason accoglie con piacere le parole di vicinanza del capogruppo Villanova: «In un momento di difficoltà economica, i maggiori contraccolpi del crollo degli acquisti rischiano di abbattersi in particolar modo su botteghe artigiane e negozi di prossimità – dichiara -. La contrazione che quest’anno subiranno le spese natalizie penalizzeranno proprio queste realtà, che invece vanno aiutate, perché se salviamo le piccole attività commerciali ed artigiane salviamo anche la vitalità dei nostri centri storici e la qualità della vita di tutti noi».     Per vedere il video completo, cliccate qui https://www.facebook.com/watch/?v=2846979442246805  
27 Novembre 2020
Approvazione dell’assestamento di bilancio della Regione del Veneto – Villanova (ZP): «La Regione si conferma solida nonostante l’emergenza. Assestamento che riflette il periodo difficile ma che vede il Veneto resistere a testa alta e investire»
Venezia, 27 novembre 2020 - «Con il voto dell’aula di oggi, la Regione del Veneto si è dimostrata ancora una volta un ente solido dal punto di vista economico e finanziario, nonostante la complicata congiuntura economica che stiamo attraversando». Alberto Villanova, capogruppo di Zaia Presidente, commenta con queste parole il via libera dell’aula consiliare al bilancio consolidato della Regione del Veneto. «Stiamo parlando di un assestamento che riflette il periodo difficile – spiega ancora Villanova - ma che vede la Regione resistere a testa alta, come dimostrano i 6,6 milioni investiti nelle bonifiche ambientali, i 2,8 milioni per i passaggi ferroviari, i quasi 8 milioni per la messa in sicurezza dei viadotti. E questo grazie a un modello di gestione efficiente, come si vede dai principali indicatori economici. Il Veneto, ad esempio, può vantare uno dei debiti regionali più bassi d’Italia, 538 euro pro capite contro i 1070 delle altre Regioni. È in grado di pagare le spese impegnate nel corso dell’anno con regolarità (92,2% contro 89% del resto d’Italia). Inoltre l’amministrazione regionale ha spese molto contenute: pensiamo solamente al personale, 5,8 dipendenti ogni 10mila abitanti, contro i 23,5 della Basilicata o i 20,6 del Molise». «Particolari che permettono alla Regione non solo di mantenere i conti in perfetto ordine e di essere al primo posto per la più bassa pressione tributaria pro-capite sull’addizionale regionale all’Irpef (viene infatti applicata solo la quota obbligatoria nazionale e non quella aggiuntiva regionale), ma anche di rispondere con solerzia all’emergenza sanitaria ed economica. Il prossimo passo sarà votare entro Natale il bilancio di previsione e rispondere così alle esigenze più immediate del Veneto: sanità, sostegno ai lavoratori e alle imprese, infrastrutture, digitale».    
26 Novembre 2020
Sovraffollamento di cinghiali al Parco dei Colli Euganei – Centenaro (ZP): «Stamattina incontro tra Regione del Veneto e amministrazioni comunali: la Regione al fianco del territorio per proteggere cittadini e agricoltura»
Venezia, 26 novembre 2020 - «Oggi ho partecipato, in videoconferenza, all’incontro organizzato dall’assessore al Territorio Cristiano Corazzari con l’Amministrazione comunale di Torreglia, nel Padovano, e il Parco Colli Euganei. Al centro dell’incontro, l’annosa problematica dei cinghiali nella zona dei Colli Euganei. Nell’occasione sono stati informati del parere favorevole della Seconda commissione consiliare alla Giunta regionale per la ripartizione dei contributi annuali agli Enti Gestori dei cinque Parchi, ed in particolare allo stanziamento di euro 1.490.635,20 al Parco Colli Euganei per le spese ordinarie di funzionamento». A darne notizia è Giulio Centenaro, consigliere regionale del Gruppo Zaia Presidente. «Nel corso del dibattito è emerso che i cinghiali, oltre a provocare danni al settore agricolo, che nella zona del Parco Colli Euganei colpisce anche culture specializzate come i vigneti doc, sono fonte di un enorme rischio per le persone. Nel corso degli anni, poi, il problema sembra essersi accentuato. La Governance del Parco Colli Euganei ha comunque assicurato l’efficacia delle proprie attività nel territorio per limitare e prevenire queste problematiche. Efficacia che verrà accentuata da uno stretto rapporto tra amministrazioni regionale e comunali interne al Parco, con l’apporto fondamentale delle altre realtà associative presenti. La Regione del Veneto, sempre attenta alle problematiche del territorio e delle amministrazioni comunali, sarà sempre disponibile a collaborare per trovare delle soluzioni che siano il giusto equilibrio tra le esigenze della nostra società e della natura che ci circonda».
26 Novembre 2020
Finanziamento ai Parchi regionali del Veneto per le spese di funzionamento – Cavinato (ZP): «Doveroso sostenere queste realtà, custodi delle ricchezze paesaggistiche della nostra regione, soprattutto in un momento in cui l’emergenza sanitaria ha messo a dura prova l’economia turistica del Veneto»
Venezia, 26 novembre 2020 - «La Seconda commissione consiliare permanente ieri ha votato, tra i vari provvedimenti, anche un parere alla Delibera di Giunta per i Contributi annuali agli Enti gestori dei parchi regionali. Si tratta, in particolare, di 3.792.000 euro che verranno distribuiti al Parco Regionale del Delta del Po, al Parco Naturale Regionale della Lessinia, al Parco Naturale Regionale del fiume Sile, al Parco Naturale Regole D’Ampezzo e al Parco Regionale dei Colli Euganei che, viste le sue dimensioni e l’organico, riceverà la quota maggiore, circa 1,4 milioni di euro. Stiamo parlando di perle paesaggistiche della nostra regione, dall’alto valore ambientale e culturale, che grazie ai contributi regionali possono continuare a custodire quelle ricchezze per cui siamo famosi». Ad annunciarlo è Elisa Cavinato, consigliere regionale del Gruppo Zaia Presidente e membro della Seconda commissione. «La Regione del Veneto già durante la scorsa legislatura si è spesa molto per promuovere lo sviluppo di queste aree protette, potenziando le strutture per il cicloturismo e rendendo il turismo lento sempre più accessibile e appetibile per i moltissimi appassionati – prosegue Cavinato -. Purtroppo, la pandemia ha reso più complicato raggiungere questi posti magici, mettendo a dura prova il settore del turismo. Nonostante la crisi sanitaria, grazie agli ampi spazi i nostri boschi e sentieri continuano comunque ad attirare molti escursionisti. Dobbiamo continuare a investire in questi tesori che il resto d’Italia ci invidia, fonte non solo di ricchezza, ma anche custodi di un territorio dall’equilibrio delicato che è nostro dovere proteggere».
25 Novembre 2020
Serve un nuovo elicottero al X° Reparto Volo Polizia di Venezia Dolfin (LV): «I nostri agenti sorvegliano un territorio dalle Dolomiti alla laguna. Ho presentato una mozione per chiedere che venga loro assegnato un velivolo nuovo»
Venezia, 25 novembre 2020 - «Era il 1987 quando venne fondato il X° Reparto Volo Polizia di Venezia. Da allora, gli agenti a lui assegnati hanno assicurato la sicurezza di un territorio vastissimo, dalle Dolomiti al Delta del Po, sorvolando zone delicate come il porto di Trieste o di Venezia o complicati dal punto di vista geografico come i comprensori sciistici. È inconcepibile, quindi, che al reparto sia stato assegnato in dotazione, da 33 anni a questa parte, un vecchio elicottero bimotore, l’unico rimasto in Italia del suo genere e difficilissimo, oltre che molto costoso, da riparare in caso di guasto, perché reperire i pezzi di ricambio è ormai diventata un’impresa ardua. Il suo uso, quindi, è ormai molto limitato. La Polizia non può aspettare ancora, ha urgente bisogno di un nuovo elicottero. Ho quindi depositato una mozione per chiedere alla Giunta regionale del Veneto di adoperarsi in tal senso, intervenendo presso il ministero degli Interni». Marco Dolfin, consigliere regionale della Liga veneta per Salvini premier, annuncia così la mozione da lui presentata a Palazzo Ferro-Fini questa mattina. «Con un elicottero così vecchio, la Polizia ha difficoltà a sorvolare una superficie di circa 40mila metri quadri, abitato da circa 7 milioni di persone – prosegue Dolfin -. A questi aggiungiamo anche i turisti che, speriamo il prima possibile, torneranno ad affollare le calli veneziane, le spiagge e la laguna, i sentieri dolomitici. Non si può attendere oltre, i nostri agenti non solo meritano un mezzo nuovo, ma ne hanno estremamente bisogno per assicurare ai cittadini un servizio migliore. Avere questo elicottero non è solo un vezzo, una questione di vanità o di comodità dei poliziotti, ma un’esigenza reale per la sicurezza di tutti noi».