Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com
PROGRAMMA POLITICO
12/07/2024
Sicurezza, Maino (Lega – LV): “Far West a Vicenza, sulla sicurezza amministrazione latitante. A pagarne le spese residenti e commercianti”
Venezia, 12 luglio 2024 - “L’amministrazione Possamai, sul fronte sicurezza, sta fallendo clamorosamente. Oltre ai proclami, il nulla: manca la sostanza e il prezzo lo stanno pagando i cittadini. Le forze dell’ordine stanno facendo del loro meglio ma è chiaro a tutti che serve un cambio di passo, per il bene di Vicenza ma, soprattutto, per garantire la sicurezza ai vicentini. I quali oggi devono camminare in città con la paura”. Questo il commento di Silvia Maino, consigliere regionale di Zaia Presidente, sugli ultimi fatti di cronaca a Vicenza. “Oltre ai proclami –continua Maino– non c’è sostanza. Lo si vede nell’assestamento di bilancio recentemente approvato, dove c’è solo una visione ideologica. Purtroppo, i fatti di questi giorni, ma anche degli ultimi mesi, dimostrano il contrario: una città nelle mani della microdelinquenza, dello spaccio e di tossici che troppo spesso fanno da cornice ai monumenti palladiani. Le forze dell'ordine fanno il massimo con quello che hanno. Ma forse è il momento che chi tiene le deleghe alla sicurezza inizi a fare un po' di sana autocritica. E ammetta che le azioni promesse in campagna elettorale sono rimaste tali: cioè, solo promesse. Il recente fatto della siringa conficcata nel piede di una bambina lascia ancora sgomenti. Cui si aggiungono le risse quotidiane, che danno la dimensione della superficialità tenuta, da parte dell’amministrazione comunale, nel combattere lo spaccio e il degrado in città. Non ci possono essere zone franche a Vicenza: la città è dei vicentini, non di manigoldi e teppaglia” conclude Maino.  
12/07/2024
Autonomia, Zecchinato (Lega – LV): “Una giornata storica per scrivere sul calendario la riforma dei Veneti”
Venezia, 12 luglio 2024 - “La riforma più importante del Paese merita una giornata che la celebri. E per questo sono orgoglioso che all’ordine del giorno del prossimo Consiglio regionale del Veneto sia stata iscritta la discussione di una mia proposta di legge che ha come obiettivo di fissare sul calendario una riforma, l’Autonomia, che sarà uno spartiacque per il Paese. A chi si sta impegnando per promuovere un referendum abrogativo per cancellare una Legge che attua la Costituzione e contro-firmata dal Presidente Mattarella, noi in Veneto rispondiamo così”. Così parla il consigliere regionale di Lega – LV, Marco Zecchinato, primo firmatario del progetto di Legge numero 239 ed inserito all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Regionale. “Il Presidente Luca Zaia si è già messo all’opera per chiedere, giustamente, a Roma di avviare la contrattazione per le prime materie. Noi siamo al suo fianco, come sempre, e lo vogliamo essere ancora di più martedì, quando l’aula del Consiglio, ovvero il Parlamento dei Veneti, discuterà la proposta di scrivere sul calendario la data che ha cambiato la storia del Veneto e di tutta l’Italia. L’aula è sovrana nella sua scelta, anche se nel testo che ho depositato la scelta non poteva che cadere sul 22 ottobre, ovviamente: non poteva essere diversamente, tutto è iniziato lì, con il Referendum del 2017. Il giorno in cui i Veneti ancora una volta, hanno messo la prima pietra di un percorso meraviglioso che si chiama Autonomia”, conclude il consigliere regionale di Lega – LV, Marco Zecchinato.
12/07/2024
Impresa, Cavinato (Lega – LV): “Le imprese si tingono di rosa, a Padova sempre più donne nei vertici aziendali”.
Venezia, 12 luglio 2024 - “L’impresa è Donna. Lo dice il dato della Camera di Commercio di Padova che in uno dossier commissionato dal centro Studi della stessa Camera di Commercio patavina evidenzia come un’impresa su cinque sia guidata da donne. E come donna, padovana e rappresentante delle Istituzioni a livello regionale non posso che esserne orgogliosa”. Lo dichiara Elisa Cavinato (Lega – LV), consigliere regionale padovano. “Il dato rilevato dalla Camera di Commercio evidenzia ancora una volta come le donne abbiano tutte le capacità e le abilità per guidare una azienda al meglio e portarla a livelli di competitività, superando ogni gender gap. È questo il miglior modo per sfatare i luoghi comuni ed abbattere i pregiudizi sulle donne: dimostrare con i fatti, con le azioni, ed i casi non mancano, che noi donne siamo in grado di esprimerci al meglio in ogni campo, nell’impresa come nella ricerca. Crescono vistosamente anche le start up innovative femminili nel mercato del lavoro padovano e proprio per questo il premio “Quarzo Rosa”, che racchiude in esso un bando, promosso dalla camera di Commercio patavina vuole incentivare l’impresa al femminile, conducendola per mano in un importante percorso di formazione. Perché sempre più spesso le donne si stanno mettendo in gioco in settori fino ad ora considerati esclusivamente di competenza maschile. Ringrazio in particolare la Camera di Commercio di Padova per l’intuizione di questo bando ma soprattutto per credere sempre di più nell’impresa che volge verso una visione al femminile”, conclude Elisa Cavinato (Lega – LV), consigliere regionale padovano.  

COSA FACCIAMO
SCOPRI DI PIU'


SEGUICI NEI SOCIAL