PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Serve un nuovo elicottero al X° Reparto Volo Polizia di Venezia Dolfin (LV): «I nostri agenti sorvegliano un territorio dalle Dolomiti alla laguna. Ho presentato una mozione per chiedere che venga loro assegnato un velivolo nuovo»
Pubblicato il 25 Novembre 2020

Venezia, 25 novembre 2020 – «Era il 1987 quando venne fondato il X° Reparto Volo Polizia di Venezia. Da allora, gli agenti a lui assegnati hanno assicurato la sicurezza di un territorio vastissimo, dalle Dolomiti al Delta del Po, sorvolando zone delicate come il porto di Trieste o di Venezia o complicati dal punto di vista geografico come i comprensori sciistici. È inconcepibile, quindi, che al reparto sia stato assegnato in dotazione, da 33 anni a questa parte, un vecchio elicottero bimotore, l’unico rimasto in Italia del suo genere e difficilissimo, oltre che molto costoso, da riparare in caso di guasto, perché reperire i pezzi di ricambio è ormai diventata un’impresa ardua. Il suo uso, quindi, è ormai molto limitato. La Polizia non può aspettare ancora, ha urgente bisogno di un nuovo elicottero. Ho quindi depositato una mozione per chiedere alla Giunta regionale del Veneto di adoperarsi in tal senso, intervenendo presso il ministero degli Interni». Marco Dolfin, consigliere regionale della Liga veneta per Salvini premier, annuncia così la mozione da lui presentata a Palazzo Ferro-Fini questa mattina.

«Con un elicottero così vecchio, la Polizia ha difficoltà a sorvolare una superficie di circa 40mila metri quadri, abitato da circa 7 milioni di persone – prosegue Dolfin -. A questi aggiungiamo anche i turisti che, speriamo il prima possibile, torneranno ad affollare le calli veneziane, le spiagge e la laguna, i sentieri dolomitici. Non si può attendere oltre, i nostri agenti non solo meritano un mezzo nuovo, ma ne hanno estremamente bisogno per assicurare ai cittadini un servizio migliore. Avere questo elicottero non è solo un vezzo, una questione di vanità o di comodità dei poliziotti, ma un’esigenza reale per la sicurezza di tutti noi».