PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Pfas e acque potabili – Zecchinato (ZP): «Il voto unanime del Consiglio regionale del Veneto alla mozione che ho presentato è segnale importante: il Governo applichi i limiti della nostra regione a tutta Italia»
Pubblicato il 17 Febbraio 2021

Venezia, 17 febbraio 2021 – «E’ sempre più necessaria una norma omogenea a livello nazionale che regoli i limiti delle sostanze perfluoroalchiliche nell’acqua, vista la loro pericolosità per gli esseri umani e l’ambiente. Il fatto che ieri il Consiglio regionale del Veneto abbia votato all’unanimità la mozione, fin dal principio condivisa con i colleghi consiglieri vicentini del gruppo Zaia Presidente e Lega e da me presentata, che chiedeva al Governo di applicare i valori PFAS della Regione del Veneto a tutto il territorio nazionale, è un segnale molto importante».  Marco Zecchinato, consigliere regionale del Gruppo Zaia Presidente, commenta con queste parole in voto di ieri in aula.

«In fase di applicazione della nuova direttiva acque dell’Unione Europea, approvata il dicembre scorso, ogni Stato membro può prevedere limiti per la presenza di PFAS inferiori rispetto a quelli previsti nella direttiva UE. Il Veneto si è già dotato di limiti per le acque potabili tendenti allo zero virtuale, ma è fondamentale che tutta Italia intraprenda questo percorso, vista la pericolosità di queste sostanze per gli esseri umani e per l’ambiente. Le falde acquifere non restano confinate nelle singole regioni: in alcuni territori a monte del Veneto si rileva una elevata presenza di PFAS nelle acque al punto da rendere meno efficaci i limiti stringenti da noi applicati grazie all’ultima delibera di Giunta Regionale».