PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Veneto in ginocchio ed emergenze in agricoltura e selvicoltura – Gidoni (LN): «Presentato un progetto di legge per la creazione di un fondo da un milione da destinare alla messa in sicurezza dei boschi»
Pubblicato il 11 Marzo 2019

Venezia, 11 marzo 2019 – «Le immagini dei nostri boschi devastati dall’uragano di ottobre sono davanti gli occhi di tutti, così come quelle della disperazione di chi, grazie ai boschi, vive e ha visto andare in fumo non solo un patrimonio naturalistico della nostra terra, ma anche il lavoro di tanti anni e le concrete possibilità di guadagno economico. Quest’ultima tragedia ci ha spinto a intervenire concretamente per essere ancora più immediati nella gestione dell’emergenza, ideando un fondo da cui attingere per la ricostruzione dei boschi, in attesa che la burocrazia permetta l’arrivo di contributi dal governo o dall’Unione europea». Così Franco Gidoni, consigliere regionale del gruppo Lega, commenta la proposta di legge da lui presentata oggi dal titolo «Istituzione del fondo regionale per la gestione delle emergenze in agricoltura e selvicoltura. Modifiche e integrazioni alla Legge regionale del 12 dicembre 2003 n. 40 “Nuove norme per gli interventi in agricoltura”».

«L’emergenza del 29 ottobre 2018 è solo l’ultima in ordine di tempo – spiega ancora il consigliere -: a partire dal 2014 nel territorio regionale è stato infatti riconosciuto lo “stato di emergenza” per dieci eventi eccezionali che hanno provocato danni a imprese produttive, agricole e non, per centinaia di milioni di euro. Solamente l’ondata di maltempo dello scorso autunno ha provocato distruzione per circa un miliardo di euro cui ora potremo far fronte grazie anche ai soldi stanziati dallo Stato e dall’Ue. Prima che la burocrazia faccia il suo corso e che le pratiche con la richiesta di fondi arrivino a segno, passano però diverse settimane durante le quali ci sono tutte una serie di emergenze da fronteggiare. Il pdl, che accoglie gli orientamenti dell’Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricoli e forestale, crea quindi un fondo per un milione per la messa in sicurezza dei boschi e le cure colturali di ogni tipo che permettano proprio la gestione dell’emergenza immediata. In questo modo – conclude Gidoni – la Giunta regionale del Veneto potrà avere un mezzo in più per aiutare i propri cittadini già messi a dura prova».