PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Politica – Rizzotto (ZP): “Il voto di Rosseau conta più del referendum dei veneti, al via il governo delle poltrone su nomination”
Pubblicato il 4 Settembre 2019

Venezia 4 settembre 2019 –  “Il voto espresso attraverso una piattaforma digitale, per qualcuno, vale più delle democratiche elezioni, piuttosto che di un Referendum popolare, come quello dei Veneti del 2017 sull’Autonomia. E’ questa una constatazione triste ma inappellabile, siamo curiosi e restiamo in attesa di vedere quali effetti produrrà questo matrimonio per i Veneti e per quella Autonomia bloccata proprio dai 5 Stelle”.

Con queste parole, la consigliera regionale Silvia Rizzotto (Zaia Presidente), commenta “il via libera della piattaforma grillina Rosseau al nuovo Governo, in via di formazione in queste ore”.

“Che questo sia il Governo delle poltrone, non vi è dubbio – chiarisce la consigliera regionale – del resto, sono tre settimane che gli italiani devono sorbirsi nomi e candidati di tutti i tipi, per ogni sedia. E del resto, non deve essere facile per Conte trovare una quadratura tra un cerchio ed un quadrato. Dopo venti giorni di nomination stile Grande Fratello, vedremo a breve chi saranno i fortunati che siederanno dietro le scrivanie del Consiglio dei Ministri”.

“Se, poi, le indiscrezioni dovessero trovare conferma, Toninelli, Mister NO sulle grandi opere, resterà a piedi – aggiunge Rizzotto –  segno che evidentemente la Lega aveva ragione da vendere quando sosteneva che le grandi riforme erano bloccate dai 5 Stelle”. “Vedremo poi, soprattutto per noi Veneti, cosa si vorrà fare in materia di autonomia – conclude Silvia Rizzotto – per oltre un anno il nostro Presidente Zaia e il Ministro Stefani hanno dovuto lavorare a ricomporre di giorno la tela che, nottetempo, il Movimento 5 Stelle, con dovizia disfava. I Veneti attendono al varco”.