PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Politica – Finco (LN): «Parlamentari Pd contro l’autonomia. Non possiamo accettare che chi rappresenta il Veneto a Roma sia favorevole agli sprechi e al malgoverno»
Pubblicato il 7 Marzo 2019

Venezia, 7 marzo 2019 – «Finalmente si stanno scoprendo le carte: il Pd anche oggi si è dimostrato assistenzialista e centralista». Nicola Finco, capogruppo della Lega in Consiglio regionale del Veneto, risponde così alle dichiarazioni dei parlamentari veneti del Partito democratico che oggi, sui quotidiani, hanno dichiarato di non voler votare a favore dell’autonomia del Veneto.

«Nessuno può ancora negare che il Paese sia diviso in due – spiega il consigliere leghista –: da una parte c’è chi vuole crescere e tornare a essere competitivo, e dall’altra c’è chi da troppi anni si accontenta di sopravvivere con i sussidi statali e, soprattutto, vuole mantenere lo status quo. È ora di responsabilizzare tutti gli amministratori locali, da Nord a Sud, dando loro gli stessi strumenti. Non possiamo continuare così: quasi 50 anni di assistenzialismo hanno portato le Regioni del Sud in queste condizioni. L’autonomia è un’ancora di salvezza per tutti. Ce lo dicono anche gli imprenditori: è uno strumento che farà risparmiare tutti, una vera manovra di spending review.  Con la riforma ideata, si potrebbero ottenere fino a 33 miliardi di euro di risparmi, sufficienti ad azzerare Irap e Tasi e a far calare notevolmente la pressione fiscale. E i parlamentari del Pd vogliono privare i cittadini di questa possibilità? Posso capire i giochi politici di alcuni deputati e senatori – conclude Finco -, ma non accetto che chi rappresenta il Veneto a Roma sia favorevole agli sperperi e alla cattiva gestione che regna da 50 anni».