PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Autonomia – Rizzotto (ZP): “Sull’autonomia del Veneto, ostruzionismo grillino scientifico e mirato. Il Ministro Boccia lasci a casa la Costituzione e porti i bilanci di tutte le regioni”
Pubblicato il 6 Settembre 2019

Venezia, 6 settembre 2019   –  “Aspettiamo in Veneto il Ministro Boccia non per parlare di autonomia, ma per dare seguito alla volontà di un Popolo intero. Noi, la Costituzione che lui vuole portare, l’abbiamo studiata già da un pezzo; lui ha mai conosciuto i nostri lavoratori e imprenditori torchiati dal fisco centrale?”. È la risposta, contenuta in una nota, della Capogruppo Silvia Rizzotto (Zaia Presidente) alla dichiarazione del Ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia sulla questione dell´Autonomia del Veneto: “Il Presidente Zaia e il Ministro Stefani avevano fatto un lavoro straordinario, arrivando ad un punto che mai, solo qualche anno fa, avremo potuto immaginare. Poi però per una strategia politica ben definita e programmata da tempo – basti sentire le parole del Ministro Trenta delusa del fatto di non essere stata riconfermata pur avendo avversato Salvini – la procedura di riforma dell’Autonomia del Veneto si è bloccata”.

“Se ora il nuovo Ministro deve venire in Veneto per fare campagna elettorale a distanza al compagno di partito Bonaccini, è più opportuno che si fermi a Bologna, ancora per qualche mese come tutta l´Emilia-Romagna, in mano al PD. Se invece vuole aiutare a chiudere una procedura già ben consolidata, saremo lieti di riceverlo: gli faremo vedere i conti della nostra Regione e magari lo potremo portare a visitare alcune delle migliaia di imprese venete che ogni giorno, grazie a lavoratori e imprenditori, aprono la serranda per pagare i debiti fatti da Amministratori dissennati che in decenni di Governo hanno sperperato il denaro pubblico” chiude la Capogruppo Rizzotto.