PROGRAMMA POLITICO
Torna alle news
Anniversario della scomparsa di Giorgio Lago – Finco (LN): «Grande conoscitore del Nord-est, anticipò il concetto dell’autonomia: oggi altri intellettuali e categorie professionali dovrebbero seguire il suo esempio»
Pubblicato il 13 Marzo 2019

Venezia, 13 marzo 2019 – «Sono passati 14 anni da quando Giorgio Lago, giornalista e profondo conoscitore della nostra terra, se ne è andato. Ed è doveroso ricordare uno studioso che ha saputo descrivere il Nord-est come pochi altri dopo di lui, riuscendo ad anticipare concetti e sogni, come quello dell’autonomia, per i quali ci stiamo battendo ancora oggi». È questo il ricordo che Nicola Finco, capogruppo in Consiglio regionale del Veneto della Lega, rivolge a Giorgio Lago nel giorno dell’anniversario della sua scomparsa.

«Lago ha anticipato il concetto di autonomia oltre 20 anni fa, rappresentando nei suoi articoli e nei suoi studi l’idea di un Nord-Est dall’identità unitaria, caratterizzata da un tessuto socio-economico a sé stante e, per questo, in diritto di avere un peso diverso nel panorama nazionale. Un punto di riferimento non solo per la battaglia che la Lega e il nostro presidente Luca Zaia stanno combattendo, ma anche per l’intera società. Quella dell’autonomia, infatti, non è solo una lotta politica da demandare ai rappresentanti in Regione, ma una questione che anche gli ordini professionali dovrebbero prendersi a cuore. Deve essere chiaro che questa partita, per arrivare a buon fine, deve essere giocata non solo all’interno dei palazzi del potere, ma anche con prese di posizione delle categorie professionali. Giorgio Lago, da giornalista e intellettuale, si è speso molto per la sua terra nel suo settore e oggi – conclude Finco – avremmo bisogno di persone che seguissero il suo esempio».