PROGRAMMA POLITICO
Scopri le ultime news
10 Ottobre 2018
Infrastrutture – Rizzotto (Zaia Presidente): “Bene la TAV inserita nel DEF: la nostra Mozione è servita d’impulso al ministro Toninelli per accelerare”.
(Arv) Venezia 10 ott. 2018 -      “Accolgo con favore la notizia che all’interno del Documento di Economia e Finanza del Governo sia stata inserita anche il collegamento tra Brescia a Padova come opera strategica da portare a compimento. Voglio pensare che anche l’approvazione della mozione della scorsa settimana in Consiglio regionale del veneto abbia favorito questo importante passaggio”. Questo il commento della Capogruppo Silvia Rizzotto (Zaia Presidente) che in una nota aggiunge: “Preso atto che la Pedemontana è già una realtà, nonostante qualche gufo cerchi di stopparla, il fatto che il Governo abbia ribadito l’importanza della TAV in Veneto è un punto fondamentale nell’insieme della discussione sull’alta velocità nella nostra Regione. L’opera era e resta strategica per l’economia del Veneto, tant’è vero che lo stesso Consiglio regionale ha promosso ed approvato una Mozione, con ampio consenso e in tempi rapidi, per sostenerne l’esecuzione. Ora credo che tutti i tasselli siano posizionati correttamente, e che il Ministro Toninelli non possa far altro che accelerare l’esecuzione dei lavori”.
10 Ottobre 2018
Sanità – Boron (ZP): “Piano Socio Sanitario e Pediatria procedono. Fracasso e Sinigaglia confondo gli indirizzi politici con le scelte operative”
(Arv) Venezia, 11 ott. 2018 - “Ho letto le dichiarazioni dei colleghi Fracasso e Sinigaglia ma, francamente, le ho trovate davvero bizzarre. Eppure, i consiglieri del PD sono in Regione da un bel po’ di tempo, ma non hanno ancora capito la divisione tra politica e direzione: la prima fa le scelte, la seconda provvede invece alla loro attuazione”. Con queste parole, il consigliere regionale Fabrizio Boron (Zaia Presidente), commenta “le dichiarazioni dei due esponenti Dem che ieri avevano denunciato il fatto  che i Direttori Generali non fossero stati auditi durante la discussione, in itinere, del Piano Socio Sanitario”. ”Per quanto riguarda la discussione sul PSSR – chiarisce il Presidente della Commissione Sanità - si sta procedendo con i tempi prestabiliti: ritengo che i Direttori Generali siano persone competenti e preparate, ma proprio per non invadere la loro autonomia dirigenziale nel dare esecuzione alle linee di mandato, non trovo opportuno convocarli su un punto politico, quale è il Piano Socio Sanitario. Forse Fracasso e Sinigaglia non hanno compreso la diversità dei piani”. “Quanto alla Pediatria di Padova – conclude Fabrizio Boron - i tecnici stanno procedendo a ritmi serrati, ed entro l’anno contiamo di avere il progetto su cui poi sarà fatta la gara d’appalto. Credo che il Tavolo Tecnico, che sta lavorando per realizzare un progetto all’avanguardia, debba poter operare senza alcun tipo di condizionamento: la politica ha dato l’indirizzo di elaborare la nuova Pediatria, ai tecnici il compito di realizzarla”.
10 Ottobre 2018
Politica – Rizzotto (ZP): “Olimpiadi invernali 2026, Cortina-Milano nella short list: siamo in finale, ora andiamo a vincere”.
(Arv) Venezia 10 ott. 2018 -      “La notizia che ieri il Cio, riunito a Buenos Aires, ha  ufficializzato la rosa delle candidate a ospitare le Olimpiadi invernali del 2026 e che oltre a Calgary e Stoccolma ci sarà anche il tandem tutto italiano Cortina-Milano, ci riempie di orgoglio e ci carica ulteriormente verso l’ultima fase di questa sfida”. Sono le parole di Silvia Rizzotto, Presidente del gruppo Zaia Presidente in Consiglio regionale del Veneto, che in una nota commenta così l’ammissione del duo Cortina-Milano alla fase finale per l’assegnazione delle Olimpiadi invernali del 2026. “Stoccolma e Calgary sono avversari impegnativi: noi rispettiamo tutti, ma non abbiamo paura di nessuno, perché le Dolomiti e le montagne venete non hanno eguali al mondo, e anche perché il binomio con Milano si sta rivelando un asse importante e stimolante, capace di valorizzare entrambe le peculiarità”. “Ora la meta è ogni giorno più vicina: con il sostegno del Governo e del CONI - conclude la Capogruppo Rizzotto - così come è stato fino ad oggi, siamo sempre più convinti che potremo tagliare tutti insieme questo straordinario traguardo”.
9 Ottobre 2018
Sociale – Finco (LN): “Disabili sensoriali, piano di interventi della Regione con un progetto che applica la nostra legge approvata pochi mesi fa. Una scelta di civiltà”
(Arv) Venezia 9 ott. 2018 –    “Con la legge regionale sulla rimozione delle barriere comunicative e l’inclusione sociale delle persone con disabilità sensoriali approvata pochi mesi fa dall’aula di Palazzo Ferro-Fini, volevamo dare il nostro contributo perché non ci fosse più distanza tra le persone e perché nessuno si sentisse più solo. E ora, con il piano triennale di azioni per l’inclusione delle persone sorde, sordomute, ipovedenti e non vedenti varato dalla Giunta regionale, abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti in una scelta di civiltà”. Così Nicola Finco, capogruppo Lega Nord in Consiglio regionale del Veneto, commenta il piano di investimenti messo a punto dalla giunta regionale per la diffusione della lingua dei segni e di quella tattile.  “Sono passati solo pochi mesi da quando ci siamo impegnati per far adottare dalla Regione la prima legge per la rimozione delle barriere comunicative – continua Finco - un progetto che ci stava particolarmente a cuore, dal momento che la nostra Costituzione è basata sull’uguaglianza di diritti e dignità di tutti i cittadini. Una legge che andava a colmare un vuoto a livello statale. Ora la Giunta regionale, partendo proprio dal nostro progetto di legge, ha compiuto un ulteriore passo in avanti. Ringraziamo quindi l’assessore al Sociale Manuela Lanzarin e tutta la giunta guidata da Luca Zaia  per questo piano che ci fa ancora una volta essere all’avanguardia sul lato dei diritti civili”.
5 Ottobre 2018
Politica – Finco (LN): “Incostituzionale l’obbligo di esporre la bandiera veneta: che paura fa una bandiera che ha alle spalle una storia millenaria?Il consigliere Azzalin non ha più diritto di parlare di queste cose”.
(Arv) Venezia, 5 ott. 2018 - “Il consigliere Azzalin dovrebbe spiegare cosa significhi per lui ‘ambiguità identitaria’ perché non risulta alcuna ambiguità nell’esporre una bandiera istituzionale che già sventola fuori dal nostro palazzo. Che paura fa una bandiera che ha alle spalle una storia millenaria?”. Così il Capogruppo a palazzo Ferro-Fini della Lega Nord, Nicola Finco, replica al Consigliere di minoranza Graziano Azzalin (PD) che aveva parlato di “pantomima identitaria a proposito della legge regionale che imponeva l’obbligo di esporre la bandiera la bandiera veneta nei palazzi pubblici, dichiarata incostituzionale dalla Consulta. D’altra parte il Partito democratico governa le province autonome di Trento e Bolzano e, fino a poco tempo fa, anche la Regione autonoma del Friuli - continua Finco - e anche lì c’è l’obbligo di esporre le bandiere locali negli edifici pubblici. Forse queste province e questa regione sono fuori dall’Italia?”. Quanto alla partita sull’autonomia, aggiunge il capogruppo leghista, “Azzalin ha istituito un comitato per il ‘No’ in occasione del referendum dello scorso anno. Chi va contro la volontà dei veneti non ha diritto di parlare di queste cose. Quanto accade in questo percorso e quanto riuscirà a portare a casa Zaia non è più affar suo, visto che si è schierato contro il volere dei veneti. Che gusto ci trovano Azzalin e il suo Pd ad andare contro gli interessi del popolo veneto?”.
5 Ottobre 2018
Politica – Rizzotto (Zaia Presidente): “Una sentenza non fermerà i Veneti, la bandiera del nostro popolo ci unisce nella storia, da Lepanto a oggi”
(Arv) Venezia, 5 ott. 2018 - “Sulla nostra bandiera c’è scritta la parola pace: e noi, in pace, rivendichiamo il sacrosanto diritto di esporre su tutti gli edifici, enti statali compresi, la nostra bandiera che, da oltre mille anni, rappresenta un Popolo, e non una fazione”. Con queste parole, la Capogruppo di Zaia Presidente in Consiglio regionale, Silvia Rizzotto, commenta “la notizia avversa della sentenza della Corte Costituzionale sulla Legge Regionale, promossa un anno fa dalla sottoscritta”. “Non dobbiamo dimenticarci come questa sentenza inizi nel 2017, in un contesto politico completamente diverso – ricorda l’esponente di Zaia Presidente -  I Veneti, però, sono noti per la loro incrollabile testardaggine nel raggiungere gli obbiettivi prefissati, e noi, con pacatezza e orgoglio, rivendichiamo il diritto a esporre il Leone Marciano su tutti i palazzi pubblici”. “Nell’attesa , quindi, di riproporre nel grande filone dell’Autonomia questo punto fondamentale del nostro essere Veneti – continua Rizzotto -  invito tutti i Veneti, a prescindere dalla loro appartenenza, a esporre domenica, sulle proprie case, il nostro Gonfalone”. “Il 7 Ottobre – conclude Silvia Rizzotto - ricorre infatti il 447° anniversario della battaglia di Lepanto, una vittoria prima di tutto veneziana, per la quale ancora oggi l’intera Europa deve ringraziarci”.
4 Ottobre 2018
Migranti – Boron (ZP): “Chiusura di Bagnoli, dal PD parole sconcertanti “
(Arv) Venezia, 4 ott. 2018 - “Le parole pronunciate oggi da un ex senatore padovano del Partito Democratico, in merito alla recente chiusura del Centro di accoglienza di Bagnoli, danno un’idea chiarissima del grado di confusione che continua a insistere all'interno del PD  che, per anni, ha governato l’Italia, lasciando i sindaci in balia dell’ondata migratoria”. Le affermazioni sono del consigliere regionale del Gruppo Zaia Presidente, Fabrizio Boron, che commenta “le parole del Senatore Dem Dalla Zuanna sul Centro di Bagnoli, la cui chiusura è stata disposta dal Ministro Salvini”. “Secondo il già senatore – esordisce il consigliere regionale - il merito se oggi Bagnoli chiude, sarebbe dello stesso Governo che l’ha creato: è come dire che l’investigatore che ha risolto il caso, è l’omicida”. “Consiglio, pertanto, all’ex senatore, oltre che ai vari rappresentanti del Partito Democratico – aggiunge il Presidente della Quinta Commissione consiliare -  di riflettere molto bene prima di arrischiarsi in affermazioni del genere”. “Credo che i rappresentanti del Partito Democratico -  conclude Fabrizio Boron – debbano piuttosto dedicarsi un po’ di più alla sicurezza delle città che governano, tipo Padova, la quale, come tutti possiamo vedere, è sotto assedio di rapinatori e delinquenti e vi è un sindaco del PD, con delega alla sicurezza, che non riesce nemmeno a organizzare la Polizia Municipale per il controllo del territorio.”
4 Ottobre 2018
Enti Locali – Riccardo Barbisan (LN): «Fusione Crespano e Paderno del Grappa: una opportunità con grandi vantaggi. La Regione non farà mancare il suo appoggio»
(ArV) Venezia, 3 ottobre 2018 – «Sarà un momento importante per la crescita della comunità, un passaggio che potrà portare grandi vantaggi ai cittadini». Così Riccardo Barbisan, consigliere regionale veneto del gruppo Lega Nord, ha commentato l’approvazione, da parte della Prima commissione Affari istituzionali, del progetto di legge n. 383, di cui appunto Barbisan è relatore, per l’istituzione del nuovo comune Pieve del Grappa attraverso la fusione dei due comuni di Crespano del Grappa e Paderno del Grappa, nel Trevigiano. «Il progetto di legge ora approderà in aula – continua a spiegare Barbisan – e, se il Consiglio darà il via libera, saranno i cittadini a scegliere il proprio futuro nel referendum consultivo del prossimo 16 dicembre. Un’opportunità che porterà grandi vantaggi al territorio, primo fra tutti la possibilità di accedere a incentivi regionali e statali notevoli per la riorganizzazione dei lavori e del personale che andranno ad arricchire i servizi ai residenti».  I due comuni interessati “presentano molti punti in comune dal punto di vista paesaggistico ed ecologico, strettamente legato al Massiccio del Grappa, e già al momento condividono diversi servizi. La fusione, quindi permetterebbe loro di ragionare in termini strategici allo sviluppo del territorio per dare un nuovo impulso al tessuto socio-economico. La fusione non toglierà nulla alle prerogative storiche e culturali dei due paesi – conclude  Barbisan - ma fornirà loro una marcia in più. Un passaggio delicato nel quale la Regione non farà mai mancare il suo sostegno e la sua vicinanza».  
Comune Superficie km² Popolazione Residente Abitante/km²
Crespano del Grappa 17,90 4.533 253,24
Paderno del Grappa 19,50 2.184 112
PIEVE DEL GRAPPA 37,40 6.717 179,59
4 Ottobre 2018
Economia – Rizzotto (ZP): “Sblocco degli avanzi, dal governo un rilancio degli investimenti locali”.
(Arv) Venezia 4 ott. 2018 -     “Dopo gli anni del nulla, dei proclami a vuoto e degli annunci, finalmente, oggi, grazie a questa circolare del Governo, i Comuni potranno finalmente disporre delle loro risorse in disponibilità, cioè gli avanzi, per realizzare opere e investimenti. Un risultato straordinario”. Sono queste le parole della Presidente del gruppo Zaia Presidente in Consiglio regionale del Veneto, Silvia Rizzotto, all’annuncio del Governo della circolare del MEF che sblocca gli avanzi di amministrazione degli enti locali. “Lo dico da ex Sindaco con esperienza decennale ancor prima che da Consigliere regionale: il risultato raggiunto rappresenta una svolta epocale per gli enti locali. E il merito, nonostante qualcuno cerchi di confondere le acque, non appartiene ad associazioni filo-PD per anni silenziose e allineate con il Governo della tesoreria unica, del prelievo al Fondo di Solidarietà Comunale, del Sindaco Primo Ministro che tagliava i trasferimenti ai Comuni. Il merito è soprattutto della Lega, dei suoi esponenti di Governo”.
2 Ottobre 2018
Trasporti – Finco (LN) “Approvata mozione dei gruppi Zaia Presidente e Lega Nord: Toninelli esca dai blog e si renda conto che la TAV è fondamentale per la nostra economia”.
(Arv) Venezia 2 ott. 2018 -     “Il ministro Toninelli deve uscire dai blog e portare avanti il progetto della TAV, soprattutto nel tratto del Nord-Est. Ha dichiarato più volte che bisogna valutare bene il rapporto tra costi e benefici, e su questo siamo d’accordo. Ma consigliamo anche al Ministro dei Trasporti di venire sul territorio, parlare con le categorie economiche e gli amministratori, perché oggi la Tav è un’esigenza”. Così Nicola Finco, Capogruppo della Lega Nord in Consiglio regionale del Veneto, ha commentato l’approvazione della mozione presentata insieme a Silvia Rizzotto, capogruppo della lista Zaia Presidente, e sottoscritta anche dai colleghi Boron, Montagnoli, Michieletto, Villanova, Riccardo Barbisan, Coletto, Gerolimetto, Gidoni, Valdegamberi, Colman, Fabiamo Barbisan, Sandonà e Ciambetti, rubricata ‘La Tav non finisca su un binario morto’. “Il potenziamento della rete ferroviaria e dell’alta velocità - aggiunge Finco - è fondamentale per lo sviluppo economico e produttivo di tutto il nord Italia che, da solo, produce il 70% del Pil nazionale. Giorno dopo giorno è sempre più urgente mettere mano a questo progetto, dal momento che la rete attuale non è neanche lontanamente sufficiente a soddisfare il volume di merci che viaggia nell’area”. “La pianificazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità Brescia-Verona - sottolinea il Capogruppo - è stata divisa in due lotti per un costo complessivo di 2 miliardi e 499 milioni di euro per 43 chilometri. In particolare verrà costruita la nuova linea ad alta velocità nel tratto che va da Mazzano (Brescia) a Verona. Strategica è però anche la realizzazione del restante tratto che da Verona arriverà a Padova. Bloccare la Tav vorrebbe dire bloccare l’economia di tutto il Nord-Est perché fino ad ora ci si è concentrati sul versante ovest, ma creare una linea verso il Nord-Est vorrebbe dire potenziare anche i porti e l’intera regione che fa da traino all’economia di tutto il Paese”.